Presentazione dell’Apple Watch: prime impressioni

La sensazione diffusa è quella di chi dice “Non mi serve un Apple Watch”. Prodotto per il momento IMMATURO perchè, nonostante il titanico sforzo di Apple si fa fatica ad individuarne un’utilità marginale diversa, ancorchè non superiore, a quel computer che abbiamo in tasca. Certamente è un prodotto innovativo soprattutto per I MERCATI che apre. Non uno solo, ma piu’ mercati. Già solo la personalizzazione dei cinturini (quelli di Apple sono geniali). Le varie App che usciranno a dare veramente senso all’acquisto, saranno determinanti per una diffusione di questo nuovo device. ?#?Samsung? ha ragione di mordersi i polsi (i.e. le mani). Intendo dire che il diretto competitor ha semplicemente portato lo schermo del telefonino sul polso. La Mela ha tagliato il cordone ombelicale e ha gettato una serie di ponti importanti con i partner che possono trascinare il prodotto. Lo si vede già dalla presentazione: il co branding apre all’immaginario. Ad esempio sono visibili con chiarezza il marchio ?#?Nike? e ?#?WaltDisney? che giocano in doppia altre partite importanti con la ?#?apple?. Il problema principale è capire a che serve questo device. Io non l’ho capito. Mi sarei posizionato solo sul mercato di fascia alta, senza arrivare al lusso (ricordate ?#?vertu?) Riconosco infine un’esasperata ingegneria di prodotto intesa come fa Apple, come ricerca della perfezione. Penso proprio che a Steve Jobs questo Watch sarebbe piaciuto. http://ow.ly/BjADn

Questa voce è stata pubblicata in ICT, Interviste, articoli e dichiarazioni e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.