Quel che resta dello scorporo della rete e dell’agenda digitale

(…) Meno Internet significa meno posti di lavoro, meno economia, meno risparmi per i servizi della Pubblica Amministrazione, meno efficienza, e maggiori costi. Una litania ripetuta ossessivamente da tutti noi dell’Osservatorio della rete, rimasti in attesa del piccolo miracolo laico: che qualcuno che lo sa fare traendone profitto investa in fibra ottica e che si dia finalmente corso in Italia ad una moderna democrazia elettronica.  (…)

Continua a leggere l’articolo su Formiche.net 

 

 
Segui Dario Denni su Twitter: www.twitter.com/dariodenni

Questa voce è stata pubblicata in Interviste, articoli e dichiarazioni, Telecomunicazioni e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.